UNA VITA DA BIPOLARE

(11 recensioni dei clienti)

13,00

Paola Gentili
UNA VITA DA BIPOLARE
PAV edizioni
Copyright 2021
Collana: Storie di vita
1^ Edizione: Maggio 2021
ISBN: 979-12-5973-081-7
Copertina: Valentina Modica
Foto cover: Ascanio Sabatini

Descrizione

UNA VITA DA BIPOLARE
di
Paola Gentili

Una vita da bipolare è un testo autobiografico e non potrebbe essere altrimenti
vista l’intensità di ogni passaggio e le emozioni a cui sa condurre i lettori.
L’autrice racconta la propria vita, anzi, l’ha ricostruita attraverso la memoria
che appare e scompare, passo dopo passo, per poterla narrare e anche
ripercorrere per se stessa.
Entriamo in un mondo che si presenta all’apparenza normale, Paola Gentili ci
mostra la sua infanzia intrisa di un disperato, quanto incompreso, bisogno di
amore e di attenzione, una delle cause che hanno alimentato la sindrome
bipolare.
Ma la patologia non viene riconosciuta.
Paola vive, com’è tipico della bipolarità, fasi alterne.
Attraversa periodi di euforia in cui è capace di avviare attività professionali e
farle prosperare, si sente bella, desiderabile e si lascia corteggiare; a questi
momenti seguono poi giorni e mesi di buio profondo, di depressione,
incapacità di reagire, desiderio di non esistere.
Le terapie non danno esiti. Anche il matrimonio, a parte il dono di una
meravigliosa figlia, non le concede quello che sembrava promettere.
Conosce la realtà della clinica psichiatrica, il dolore fisico in seguito a un brutto
incidente automobilistico, il calvario della riabilitazione e la solitudine allietata
dalla presenza degli amati gatti.
Poi le cose cambiano.
Paola incontra un medico – ascoltato per caso in tv – che comprenderà la sua
patologia e le prescriverà la cura adatta.
Non è stato facile ma oggi Paola sta bene. La sua vita è diversa.
Il messaggio – la ragione di questo libro – che l’autrice vuole divulgare è per
tutte quelle persone che soffrono di questa patologia senza saperlo. Ed è
davvero urgente comunicare che una via esiste, che si può tornare a vivere, con
le giuste attenzioni, un’esistenza “normale” e serena.

11 recensioni per UNA VITA DA BIPOLARE

  1. Laura Valentini

    Una storia di vita emozionante, a tratti drammatica ma che lascia sicuramente un segno . Da leggere assolutamente! Complimenti all’autrice.

  2. Guenda (proprietario verificato)

    Libro emozionante….. da leggere tutto d’un fiato…..soffri e ridi con la protagonista…. Bello

  3. Francesca Forgione (proprietario verificato)

    Ogni pagina di questo testo è intrisa di vita vera, quella che tutti noi sappiamo riconoscere: a volte dura e spietata, altre generosa, a volte ti spiazza con colpi di scena, altre ti delude per la sua banalità. Ma ha sempre il dono della autenticità.
    Leggendo questo racconto autobiografico ho potuto sentire tale autenticità, ho patito ed a volte ho gioito viaggiando nel tempo attraverso le vicende raccontate con grande bravura dall’autrice.
    Leggendo questo libro ho potuto fare molte riflessioni verso le quali il racconto stesso ti conduce.
    Sono arrivata all’ultima pagina più ricca dentro di come ero quando ho cominciato a leggere la prima. È proprio questo che un bel libro dovrebbe fare.

  4. PATRIZIA CESARI (proprietario verificato)

    Un libro vero un libro che ti lascia una sensazione di benessere dopo averlo letto. Un libro che ti dà la forza di andare avanti e che ti aiuta a capire che non bisogna mai arrendersi. Un libro autobiografico scritto alla perfezione . Un libro che scorre e che ti graffia dentro. Un libro che mi ha lasciato la piacevole sensazione che nonostante tutto alla fine la vita è meravigliosa anche avendo superato ostacoli dolorosi. Brava Paola Gentili. Anzi direi STREPITOSA .

  5. enrico (proprietario verificato)

    il libro mi è piaciuto moltissimo. scorrevolissimo. letto tutto di un fiato. una storia molto bella che appassiona e fa pensare. complimenti all autrice

  6. Chiara

    Un libro scritto con il cuore dove trapela la forza e la voglia di riscatto dell’autrice. Ho letto il libro in un pomeriggio, è molto scorrevole e una pagina tira l’altra e arrivi alla fine senza accorgertene. Complimenti all’autrice, aspetto il prossimo!

  7. Luciana

    Un libro piacevole e scorrevole che trasporta il lettore nelle dimensioni contrastanti tipiche della patologia … il disagio dell’autrice è palpabile e lodevole è la volontà di condivisione del percorso al fine di fornire utili indicazioni alle tante e inconsapevoli vittime del malessere silente…consigliato!!!

  8. Domenico (proprietario verificato)

    Ho acquistato questo libro su consiglio di un mio amico … Scettico all’inizio, mi sono dovuto ricredere . Le mille fragilità e debolezze unite ai successi, raccontati e analizzati, creano nel lettore l’immagine quasi autoptica della vita della protagonista, la quale, lentamente e autonomamente acquisisce consapevolezza della sua difficoltà ad approcciarsi alla vita e ai rapporti sentimentali stabili… Un messaggio di speranza per tutti!!!

  9. Rosanna

    Interessante viaggio dell’autrice nella propria patologia che, con la sua forza, riesce a combattere e venirne fuori. Bellissimo messaggio per chi soffre come ha sofferto lei. Il testo è scorrevole e ,quindi, di piacevole lettura. Consigliatissimo!!!!

  10. pav edizioni

    Recensione a cura di CINZIA BALDINI

    Se si consulta un manuale di medicina o un sito
    specializzato, con termini clinici più appropriati, si
    troverà la seguente definizione: “il disturbo bipolare è
    un disturbo dell’umore, una patologia psichiatrica
    complessa, spesso ereditaria e ad andamento cronico. Chi è
    affetto da bipolarismo manifesta inconsueti cambiamenti
    dell’umore, dell’energia fisica e del livello di attività
    quotidiana. Ad episodi di “mania” sottolineati da una
    sovraeccitazione umorale seguono fasi depressive. Il
    periodo “maniacale” può variare da una settimana ad un
    mese circa mentre quello depressivo ha una durata
    maggiore. L’intervallo tra una fase e l’altra può
    concedere al paziente un periodo di relativo benessere a
    meno che il passaggio non sia repentino”.
    Invece ciò che su internet o sui testi scientifici non
    appare sono i “sintomi” non patologici, ma quelli che si
    provano umanamente da chi ne soffre.
    E proprio a questa carenza ha cercato di sopperire
    Paola Gentili con il suo volume d’esordio: “Una vita da
    bipolare”. E’ un libro autobiografico in cui con
    spietatezza, l’autrice si mette a nudo e analizza con
    mente lucida, da quando ne ha memoria, gli anni della sua
    esistenza. Ne esce fuori il ritratto di Paola, una bambina
    incerta e bisognosa di affetto e attenzioni, di una madre
    priva di istinto materno e troppo presa dal lavoro per
    “mettere da parte i soldi”, di un padre eccessivamente
    accomodante e distratto. Di una famiglia, insomma, con
    dinamiche affettive errate che si ripercuotono in maniera

    psicologicamente negativa sui figli, marchiandoli per
    tutta la loro esistenza.
    I primi “strani” episodi riportati dall’autrice
    riguardano la bulimia usata come modo per richiamare
    l’attenzione della genitrice distratta che, costringendola
    ad una inutile ferrea dieta, le avrebbe mostrato così il
    suo affetto.
    “Da quando era tornata dall’ospedale” (dopo aver
    partorito la sorella) “continuavo a chiederle:
    «Mamma ma tu mi vuoi bene?»
    Pensavo sempre che se fossi stata magra tutto il mio
    malessere sarebbe scomparso e alla fine, dietro le mie
    insistenti pressioni, il medico di famiglia mi prescrisse
    delle pasticche per aiutarmi a contenere la fame.
    All’epoca andavano di moda, se così si può dire, le
    anfetamine. Ora sono illegali nel nostro Paese, perché
    hanno molteplici effetti collaterali. Certo, riuscii a
    dimagrire ma il prezzo fu un grosso esaurimento nervoso.
    Il dottore, in seguito, disse che non erano stati i
    farmaci a causarmi il crollo, ma che avevano solo fatto
    emergere un disagio già esistente. Sarebbe bastato
    ascoltare quelle parole per capire che cosa mi stesse
    accadendo. I miei non erano così attenti o forse erano
    solo troppo impegnati a far soldi. Del resto, come
    potevano con la loro poca istruzione arrivare a capire i
    meccanismi di certe malattie? Tra l’altro anche i medici
    ci misero anni a capire che cosa avessi.”
    Già da queste righe, pur se espressa con parole
    semplici ma molto efficaci, si evince la lotta psicologica
    e la sofferenza interiore che, negli anni
    dell’adolescenza, ha affrontato la giovane Paola.

    E la narrazione prosegue con l’esporsi della Gentili,
    senza vergogna, ai lettori, raccontando ciò che prova un
    malato mentale che ancora ignora di esserlo, perché tale è
    chi soffre di bipolarismo.
    Paola Gentili aveva compreso che nella sua vita, nel
    suo modo di porsi, c’era qualcosa che non quadrava,
    qualcosa che le impediva di essere serena, nonostante agli
    occhi di tutti sembrasse una giovane donna realizzata con
    un matrimonio felice e allietato dalla nascita di una
    bambina.
    “Avevo solo ventidue anni e da quel momento, poco dopo
    il battesimo, cominciai a stare veramente male. Mi vennero
    crisi d’ansia e attacchi di panico. Questi ultimi,
    terribili, arrivavano improvvisamente con una sensazione
    di soffocamento, batticuore, brividi, dolore e assoluta
    paura di impazzire, quasi impossibile da spiegare. È
    sconvolgente avere a che fare con questo cataclisma
    interiore: all’inizio non capivo nemmeno cosa fosse, ma
    ricordo che ero terrorizzata all’idea di essere preda di
    quelle ondate di panico che duravano cinque o dieci
    interminabili minuti, mi distruggevano, e poi se ne
    andavano lasciando una sensazione di vuoto immenso dentro
    di me. Quando non avevo gli attacchi di panico, c’era
    l’ansia ad accompagnarmi per ore, senza mai un culmine ma
    sempre costante, a condizionarmi tutta la giornata.”
    Questa figlia così amata sarà la sua ancora di
    salvezza. Proprio l’intimo legame tra madre e figlia
    resusciterà l’istinto di sopravvivenza dell’autrice
    permettendole di vincere la disperazione e allontanare la
    voglia di annullarsi fisicamente, di cercare il suicidio,
    è uno dei sintomi tipici della malattia.

    Fortunatamente il cammino irto di difficoltà in cui La
    Gentili si è barcamenata, tra gli alti e bassi della sua
    mente, non le ha mai fatto smettere di documentarsi per
    comprendere il perché e se esistesse un motivo
    dell’inquietudine che la divorava, del suo “Male di
    vivere”, di riflettere sulla sua condizione mentale. La
    sua tenace determinazione è stata ricompensata nel momento
    in cui ha ottenere l’agognata diagnosi specialistica che
    le dava le chiavi di casa di quel mondo, da molti
    ignorato, costituito dalla bipolarità.
    Ora, finalmente, era tutto chiarissimo e attestato
    scientificamente: le incertezze giovanili, la paura di non
    essere all’altezza delle aspettative della sua famiglia in
    generale e di sua madre in particolare, i momenti in cui
    il suo umore viaggiava a mille e quelli in cui era sotto
    lo zero, i periodi di iperattività nei quali intraprendeva
    o si inventava nuovi lavori e poi all’improvviso, senza
    motivo, piombava nella depressione più nera, il voler
    staccare la spina con il mondo, avevano una definizione
    ben precisa: malattia bipolare!
    “Voglio che le persone che ne soffrono sappiano che
    con la terapia giusta si può arrivare a stare bene. E che
    i “sani” capiscano che avere una malattia mentale non
    significa essere matti: è come avere un polmone o il
    fegato che non funzionano bene, e allora si cura. Non si
    parla di guarigione, perché il disturbo bipolare non
    sparisce, ma con la terapia adeguata si controlla.
    L’esordio avviene quasi sempre nella tarda adolescenza o
    nella prima giovinezza, spesso in seguito a un evento
    scatenante come un lutto, un parto, la fine di una storia
    d’amore. A me è successo per una dieta sbagliata per

    esempio. Ed è proseguito perché avevo una famiglia che non
    capiva e un marito che ha continuato a maltrattarmi,
    quindi la mia malattia ha trovato terreno fertile per
    svilupparsi.”
    Paola Gentili poteva nascondersi dietro uno
    pseudonimo, un alter ego che le permettesse di mantenere
    l’anonimato o ricorrere ad un’immaginaria protagonista,
    invece ha scelto di metterci la faccia e per questo credo
    che “Una vita da bipolare” meriti di essere definito come
    un volume di divulgazione scientifica a tutti gli effetti
    perché attraverso la sua lettura molti possano prendere
    coscienza che la malattia mentale esiste e anche se non si
    guarisce, con le terapie idonee può essere curata e
    permettere a chi ne soffre di avere una vita normale e
    dignitosa.

    Cinzia Baldini

  11. Sonia

    Un bel libro…che ti spinge a leggerlo tutto d’un fiato…e poi rileggerlo per capire meglio e provare ad immedesimarsi nelle difficoltà vissute dalla protagonista che nonostante tutto è riuscita con la sua tenacia e caparbietà a capire e combattere questo male oscuro allora sconosciuto e difficile da diagnosticare e che oggi con la sua testimonianza potrà contribuire ad aiutare persone che si riconoscano nel suo trascorso…..

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *