PARLATECI DI BIBBIANO

(20 recensioni dei clienti)

13,00

Descrizione

Parlateci di Bibbiano

Di

Giuseppina De Lorenzo

 

Il contenuto di tale libro ha lo scopo di ricordare le tragiche
vicende di Bibbiano. Non ha nessuno scopo politico e non verrà
usato a tali scopi. Il testo ha l’obiettivo di raccontare gli
avvenimenti così riportati toccando vari decreti, le parole dei
movimenti politici e di movimenti che hanno anche ‘’sminuito’’ la
presenza dell’avvenimento- come le Sardine.
Si spera anche in un risveglio delle associazioni che dovrebbero
tutelare i diritti dell’infanzia.

20 recensioni per PARLATECI DI BIBBIANO

  1. SONIA

    HO LETTO LA RECENSIONE E ATTENDO IL LIBRO MA , DALLE INTERVISTE SEGUITE , OTTIMO CORAGGIO NELL’AFFRONATRE L’ARGOMENTO

  2. alfio

    Sono curioso di leggere e rileggere il testo…… dalle interviste mi sembra chiaro un non voler fare politica ma dare spazio a queste famiglie e ai loro drammi, ottimo l’argomento trattato

  3. Luca Pisano (proprietario verificato)

    Appena arrivato
    Bella copertina ,belle le immagini interne.Libro da leggere e rileggere.Sono già alla terza pagina

  4. Cristina

    Ho letto questo libro, l’autrice con grande maestria, riporta al centro dell’attenzione un argomento, che l’Italia non deve dimenticare.

  5. Elena

    Ottimo libro, sinossi precisa e ben strutturata. Peccato che non si trova su amazon! 5 stelle per il coraggio dell’autrice!

  6. Sonia

    Ottimo libro per non dimenticare fatti realmente accaduti anche in luoghi diversi da Bibbiano

  7. Giyli Arnold

    Libro orribile!! Non c’è stato ancora il processo e ancora raccontano falsità e fake news

  8. Lilith (proprietario verificato)

    Premetto che è difficile recensire un libro così pregno di oscurità, stiamo trattando un tema estremamente delicato e attuale! Questo libro non ha nessuno scopo politico, bensì è dedicato alle vittime di Bibbiano e alle loro famiglie, è un percorso dettagliato della vicenda. Anche se a volte la scrittura di questo libro mi è risultata un po’ acerba e incerta, (soprattutto nelle prime pagine) andando avanti con la lettura mi sono trovata davanti a tanti quesiti, riflessioni e pensieri riguardo la vicenda. È un libro che attraverso le parole dei movimenti, dei giornali, delle leggi e realtà scientifiche, riesce a trasmettere l’importanza e la gravità della situazione. Consiglio la lettura, l’autrice è stata in grado di ricostruire dettagliatamente la spiacevole vicenda. Complimenti all’autrice per la determinazione nell’aver portato avanti un progetto così singolare.

  9. Cosimo

    Grazie per ricordare fatti che purtroppo sono accaduti e continuano ad accadere. Mi auguro che la giustizia e la società possa riscattarsi da questi malefici personaggi

  10. Tiffany

    Ho letto questo libro comprato durante una presentazione direttamente dall’autrice. Al di là di tutto ciò che si possadire non è un libro per niente politico. Da leggere assolutamente

  11. Nicola.

    Coraggio e determinazione nell’ affrontare quest’ orribile fatto di cronaca di cui i media sembra si siano volutamente dimenticati. Complimenti all’ autrice che spero risvegli nella pubblica opinione questo aberrante assopito crimine.

  12. Tiziano

    Ottimo libro in cui si cerca di fare luce su una vicenda dai risvolti ancora oscuri. La narrazione dei fatti, scevra da commenti o illazioni personali, accende un riflettore su una delle vicende più brutte della cronaca italiana degli ultimi anni, evidenziando tutta l’inadeguatezza delle Istituzioni nel tutelare i più fragili: i bambini.

  13. filippo

    Mi è stato regalato questo libro….. dalla presentazione libro orribile poichè sembra tutto tranne che apolitico… ma con piacevole sorpresa e curiosità mi sono resa conto che è un pò come ciò che è accaduto col film di Checco Zalone…. un titolo che provoca ma in realtà punta il riflettore sui bambini! Per cui si lo consiglio assolutamente nella lettura nonostante il mio scetticismo

  14. Donatello Pisano

    Ottimo libro. Analisi impeccabile. Consigliatissimo.

  15. simona

    Ottimo Libro

  16. Donatello

    Ottimo libro. Interessantissimo. Consigliato

  17. Salvatore

    Un libro che grida, un coraggio per dare voce a chi non ce l’ha. Un urlo per dire non dimentichiamo, i bambini sono il futuro, noi siamo il passato, non possiamo distruggere tutto, lo spazio che rimane è per i nostri figli. I figli del mondo dove devono costruire nuove vite.
    Brava la scrittrice per il lavoro svolto con coraggio, e a urlare “non dimenticate e urlate con me”.

  18. louis marsilia

    Libro interessante , magari avrei scritto sulla sinossi qualcosa di diverso, la linea fra politico e apolitico è troppo sottile….

  19. Francesca Ghiribelli (proprietario verificato)

    RECENSIONE
    Un’autrice che ha “fegato” da vendere, dico “fegato” perché ci vuole più che coraggio a scrivere libri per “denunciare” o anche solo far riflettere su argomenti importanti come questo. Anche i suoi precedenti libri sono tosti e importanti, ma “Parlateci di Bibbiano” per l’essenzialità del suo argomento supera tutti! Una copertina d’effetto, ma non violenta, anzi decanta la tenerezza dell’argomento centrale, l’innocenza dei bambini, la loro bellezza affiancata da un dolce peluche. L’infanzia, quel momento intoccabile, il periodo di vita più bello ed eccelso. Un bambino deve essere inviolabile, cosa che il caso di Bibbiano ha reso totalmente impura, ha reso sporca quella bellezza che deve restare immacolata nella sua meraviglia. L’autrice si pone in maniera delicata senza parlare a vanvera, ma essendo documentata sui fatti, non giudica, non scrive con superba enfasi, ma incede con innata delicatezza con passo lieve nel voler ricordare, rimembrare, far conoscere a tutti le vicende del comune di Bibbiano (e di altre province di Reggio Emilia). A chi conosce tutta la storia, a chi era poco informato, a chi con indifferenza non ha neanche letto un articolo sulla vicenda. Il libro ha lo scopo di far riflettere, di far pensare senza tirare troppo la corda, senza colpevolizzare nessuno, è una testimonianza storica senza prese di parte, senza idee politiche, ma risulta una cronistoria informata passando per i diversi decreti, attraverso i messaggi di vari partiti politici e di movimenti o associazioni politiche che si sono disinteressati, fra cui le Sardine. Come si fa a restare indifferenti a qualcosa di così ingiusto e deplorevole, che tocca per di più anime fragili e innocenti come i bambini? E la voce delle associazioni infantili quando mai si risveglierà per difendere e proteggere i più piccoli?
    Tutto ha inizio a causa delle numerose denunce dei servizi sociali contro genitori accusati di aver maltrattato i loro figli. Gli investigatori, insospettiti, hanno voluto approfondire la questione. Dalle indagini, è emerso che psicologi e assistenti sociali volevano lucrare approfittando dell’affidamento dei bambini: una volta manipolati mentalmente (con tecniche a dir poco terribili), venivano affidati ad altre famiglie, le quali avrebbero incassato il contributo economico. Gli psicologi, invece, avrebbero guadagnato grazie alle sedute di terapia.
    Insomma la vicenda di Bibbiano resterà nella storia e questo libro pure, testimoniando e denunciando con la sua riflessione l’argomento di poveri bambini tolti ai loro genitori per esser parcheggiati a famiglie affidatarie, solo per pur interesse economico dei loro aguzzini! I cosiddetti demoni che guadagnano abusando dell’innocenza infantile e dietro alla lunga vicenda, di cui si sentirà ancora parlare ancora per molto, ci sono sindaci arrestati, volti più o meno noti a livello pubblico che si danno la responsabilità a scaricabarile, psicoterapeuti accusati di frode processuale e abuso d’ufficio e chi più ne ha più ne metta… Si parla persino di abusi sessuali e di satanismo. Insomma una vera e propria rete illecita nella gestione dei minori! Un libro quindi da leggere e conservare nella nostra libreria, ma soprattutto nella nostra memoria.

    Francesca Ghiribelli

  20. MARIEL SENNORY

    LIBRO SUI DIRITTI DEI MINORI GRANDE!

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *